Project Description

Mesagne

TORNA A LUOGHI DA SCOPRIRE

20 minuti dal Trullo della Pace

Mesagne, nel centro del Salento, sorge lungo l’antica Via Appia romana ed è una delle città più estese dell’intera regione Puglia (conta ben 22 frazioni).
Sono presenti importanti attività agricolo-commerciale (uve, olive, tabacco, ecc.), è stata anticamente un importante centro messapico (Messania), di cui sono state scoperte le necropoli nel centro storico e nella via Castello.

Il centro storico di Mesagne ha una caratteristica (praticamente unica) forma a cuore ed ospita numerosi monumenti storici e d’interesse culturale, in quanto la città è quella che, insieme ad Ostuni, possiede gli edifici (sia pubblici che privati e religiosi) che che meglio rappresentano lo stile del barocco pugliese.
Vi si entra attraverso la via Marconi, che conduce alla Villa comunale (situata proprio di fronte al Castello), abbellita da una fontana monumentale.

Da visitare:

CENTRO STORICO

Camminando per il centro storico si capisce perché quest’ultima è considerata una delle cittadine in cui il barocco si è meglio conservato.
Sicuramente non mancano bellissimi palazzi e dimore d’epoca come il Castello che si trova dietro alla moderna via castello in cui non mancano anche molti negozi per fare shopping.
Oltre a questo passate per piazza Orsini del Balzo dove si può ammirare il Palazzo degli Orsini che oggi ospita alcuni uffici. Non mancano poi anche chiese e bellissime basiliche barocche, tra le quali svetta sicuramente la chiesa di Sant’Anna che si trova a nemmeno 400 metri dal castello sempre in piazza Orsini.
Lungo il centro storico è pissibile vedere anche resti di un antica necropoli e di alcune strade messapiche. Insomma è proprio una vera e propria passeggiata nella storia.

Link Utili per visite guidate:

Pro loco Mesagne – visite guidate

Riferimenti Pro Loco: info@prolocomesagne.it
Telefono 0831 1623237 o mandare un sms al 3387186074 (chiamare dopo le ore 18:00)

CASTELLO

Fatto costruire in epoca normanna da Roberto il Guiscardo nel 1062, fu distrutto, assieme al paese, dai Saraceni nel 1254, per poi essere ricostruito due anni più tardi. Rimaneggiato nel ‘600, conserva ancora massiccio torrione quadrato angolare risalente all’epoca normanna ed un loggiato rinascimentale. Dal 1999 è stato aperto al suo interno il Museo Archeologico comunale Ugo Granafei.
Nel Museo sono conservati documenti riferibili alla necropoli preromana, una collezione numismatica e reperti provenienti dalla collezione privata di Granafei: Vale sicuramente una visita!

Tripadvisor – Link a Castello Normanno Svevo

CHIESA DI SANT’ANNA E CHIESA MADRE (di tutti i Santi)

Accanto al castello sorge la chiesa di Sant’Anna, costruita tra il 1683 e il 1699. Si trova in piazza Orsini del Balzo ed il suo progetto è opera del sacerdote-architetto Francesco Capodieci. Notevole edificio in stile barocco pugliese, la sua costruzione coinvolse alcune degli artisti più importanti di tutto il Salento, tra cui Cino di Lecce. All’interno sono conservate ed esposte varie tele e statue di cartapesta realizzate da artigiani locali.
Invece, continuando dalla Porta Grande si arriva in Piazza III Novembre, dove si trova la Chiesa Madre: chiesa angioina fu ricostruita nel 1653 su progetto di Francesco Capodieci ed assunse forme barocche. La sua particolarità consiste nell’utilizzazione del carparo e della pietra bianca per la costruzione della bellissima facciata barocca, ricca di cornicioni e paraste ioniche e corinzie.
Gli effetti di chiaroscuro creati dalle nicchie scavate tra le parataste mettono in particolare risalto le statue di sant’Eleuterio, santa Antea e san Corebo, protettori della città. Custodisce, inoltre, un prezioso crocefisso in legno del XVI secolo, due tele raffiguranti la Madonna del Carmine, risalenti al Settecento, e una Natività, di sicura mano di Gian Pietro Zullo, pittore mesagnese vissuto tra il 1557 ed il 1619, caposcuola di una tradizione pittorica locale.

L’interno è a croce latina, molto bello l’altare di marmi policromi e dietro di esso gli stalli settecenteschi del coro. Numerosi i quadri e le statue in cartapesta.

Tripadvisor – Link a Chiesa di Sant’Anna

Tripadvisor – Link a Chiesa Madre

  • Mercato settimanale: Lunedi

  • Guardia medica: tel. 0831 730427, 0831 739312

  • 16 Luglio: Festa Patronale della Madonna del Carmine

  • 6 Gennaio: Cavalcata dei re Magi nel centro storico e presepe vivente.

CURIOSITA’: LA LEGGENDA DEL CASTELLO

A seconda delle tradizioni si riporta una leggenda che in alcune versioni è ambientata all’interno del castello, in altre in una capanna vicina al castello stesso.

La leggenda narra di una ragazza, di cui non conosciamo il nome, che aveva disonorato la sua famiglia innamorandosi del figlio del ciabattino. Il padre di lei, un ricco proprietario terriero contrario al matrimonio dei due, incaricò i suoi figli maschi di ucciderla. Una notte sorpresero i due innamorati in una vecchia casa di campagna. Lei indossava l’abito da sposa della madre. Lui fu ucciso a coltellate. Lei fu inseguita per tutta la casa. Per nascondersi si rifugiò in un vecchio forno. Quando i fratelli videro la scarpa bianca per terra ai piedi del forno, identificarono il nascondiglio. Appiccarono il fuoco e la lasciarono morire tra le fiamme.
Da allora il fantasma della “Signora Leta” si aggira per la periferia di Mesagne, indossando un abito nuziale e tenendo in mano una scarpetta bianca”.